Translate

itenfrdeptrues

iCagenda - Calendar

bambini
cinture nere
evento registrato

KARATE-GI

KARATE-GI : PIU' COMUNEMENTE KIMONO

 

In quasi tutte le arti marziali è uso allenarsi indossando un abito Gi (pronuncia: ghi) adeguato; nel Karate quest’abito è il karate-gi (o più comunemente chiamato kimono ), composto da una giacca (uwagi ), da un paio di pantaloni ( zubon ) di cotone bianco e da una cintura ( obi ) il cui colore designa il grado raggiunto dal praticante, da cintura bianca fino a nera.

Oltre al termine specifico “karate-gi”, l’abito per la pratica del karate può essere chiamato genericamente “keikogi” o “dogi”; mentre completamente sbagliato è il termine “kimono”. Questa antica parola della lingua giapponese, che originariamente significava semplicemente “abito”, ai nostri giorni viene usata per indicare uno specifico tipo di vestito tradizionale che nulla ha a che vedere con la pratica delle arti marziali.

Fu il maestro Gichin Funakoshi nel 1921 ad adottare il vestito che ancora oggi viene usato nel Karate; prima non esisteva un abito fissato convenzionalmente per la pratica del karate. Ci si allenava sia con gli abiti di tutti i giorni, sia a torso nudo, in pantaloni corti o con la biancheria intima. Ricordiamo che il clima di Okinawa è caldo, e soprattutto molto caldo in estate; il problema dell’abito non si poneva quindi nello stesso modo che a Tokyo, dove l’inverno e rigido.

Questo Keikogi bianco, che e diventato progressivamente un indumento abituale e poi l’indumento ufficiale del karate, sarà introdotto a Okinawa come una nuova forma della tradizione. La qualità e il colore del vestito variavano secondo le scuole. Di solito ognuno lo confezionava seguendo il modello in uso nel proprio dojo. E a partire dal 1880 circa che il judogi viene progressivamente uniformato.

Il Karate-Gi nella psicologia del Budo, aiuta a mettere a nudo la propria personalità cosicchè ci si possa vedere per quello che realmente si è: indossare il karate-gi è un modo per rendersi conto che sul tatami le distinzioni esteriori scompaiono e che tutto ciò che tende a diversificarsi si annulla. G. Funakoshi attraverso il sistema dei gradi stabilì una gerarchia basata sulla capacità tecnica, espressa attraverso i colori della cintura. Intorno alla vita si trova un importante meridiano del Ki : la cintura deve trovarsi esattamente in questo punto. La cintura permette di prendere coscienza della forza che c’è in noi e di concentrarla al meglio nella zona del ventre ( hara ); come la cintura non deve essere mai troppo stretta o allentata così l’ hara non deve essere troppo teso o rilassato.

Appare superfluo ricordare che, sia per rispetto del dojo e per rispetto degli altri praticanti, il Karate-Gi deve essere curato dal praticante sia per quanto riguarda la sua pulizia che per quanto riguarda il suo aspetto. Pochi semplici gesti sono necessari per piegare il Gi prima di riporlo nella borsa, gesti che esprimono anche il nostro ringraziamento verso chi a casa,  materialmente lo cura lavandolo e stirandolo.

 

QUALE TIPO DI KARATE-GI ACQUISTARE


Quanto deve pesare il tuo Karate-Gi? 8 once, 11 once, 16 once? Molti Karateka vi consiglieranno un tipo pesante o Heavy Weight per molte ragioni. Il cosiddetto “peso massimo” ha la caratteristica di avere un tessuto più rigido e produrre facilmente il cosiddetto “snap” o schiocco quando si portano le tecniche dando la sensazione di fare molto bene, ottenendo una sorta di soddisfazione personale infondendo la sicurezza di aver eseguito una buona tecnica efficace. Un Karate-Gi di cotone pesante e di buona qualità produce un forte snap. Alcuni sostengono che i Karate-Gi da 14 once o superiore manterranno la loro forma migliore poiché più rigida, inoltre favoriranno la circolazione dell’aria tra pelle e tessuto mantenendo una sensazione di fresco a chi li indossa. Ma sono e restano PESANTI e per molti questa è una scomodità!

Esistono anche Karate-Gi leggeri o Light Weight da 8 o 10 once, adatti per il kumitè, in quanto permettono grande libertà di movimento. Il loro svantaggio si rivela quando sudando molto essi diventano quasi trasparenti e aderendo alla pelle possono perfino limitare i movimenti. Un tessuto più pesante generalmente risulta più scorrevole, dando un effetto seta di scivolamento, ad esempio nell’eseguire tecniche di calcio evita che si impigli il ginocchio lasciandolo scorrere meglio all’interno del pantalone.

Se poi il nostro allenamento è basato su prese e tecniche di grappling ovviamente cercheremo un tessuto resistente che non strappi con facilità.

Ma… i pesi massimi sono più costosi, si dice siano più adatti all’esecuzione di Kata, possono limitare un po’ i movimenti e molti non riescono a starci comodi. Per il solo fatto di schioccare di più non significa fare tecniche migliori, il vostro Maestro saprà capire quando fate bene indipendentemente dal rumore.

Ci sono anche i pesi medi o Medium Weight da 12 once, un compromesso notevolmente valido tra le due caratteristiche viste prima, essi sono adatti per fare tutto, Kata e Kumite, non sono troppo pesanti e assorbono bene il sudore senza diventare trasparenti e limitare alla lunga i movimenti, sono un’ottima scelta se non avete un “partito preso”, se non avete delle ragioni per scegliere leggero o pesante sono un’opzione da tenere in seria considerazione.

Purtroppo non potrete a priori sapere cosa va bene per voi, dovrete provare e solo con l’esperienza saprete cosa vi fa stare meglio.

COME RIPIEGARE IL VOSTRO KARATE-GI


Uno dei tanti modi di salvaguardare il vostro investimento è quello di ripiegare il vostro karategi secondo la tradizione. Tra i vantaggi c’è sicuramente il limitare moltissimo lo spazio occupato per riporlo e per trasportarlo in borse e valige, inoltre è un sistema di piegatura naturale, se eseguito correttamente aiuta a distendere le pieghe lasciando un aspetto sempre in ordine. Nel video vediamo come piegare la giacca, per i pantaloni è sufficiente arrotolarli attorno ad essa come mostrano le immagini.

MANUTENZIONE E LAVAGGIO DEL GI


Acquistare un Karate-Gi di alta qualità significa fare un investimento per cui si vorrebbe mantenere le sue caratteristiche nel tempo. Con la cura adeguata possiamo ottenere anni di onorato servizio, ma bisogna seguire alcune semplici regole, le quali riguardano essenzialmente le modalità di lavaggio, unico vero intervento di manutenzione al quale siamo portati a seguire.

Lavare regolarmente il Karate-Gi

Significa dopo ogni sessione di allenamento, o quanto più possibile. Non abbiate paura di sgualcire a causa di troppi lavaggi, sono generalmente materiali resistenti. Non permettete che i vostri dogi diventino troppo sporchi, o ingialliscano per il sudore seccato, in seguito sarà molto difficile fare tornare decenti quei tessuti. Una regola ideale è la seguente: una volta rientrati dall’allenamento immergete subito il dogi in una bacinella con 10-15 litri d’acqua e candeggina nelle dosi consigliate dalla casa, ed in base alla quantità di sudore (questa fase può essere saltata e usare solo acqua) ma attenzione usate solo prodotti non aggressivi come ce ne sono tanti sul mercato, ad esempio il Napisan o cose simili, altrimenti rovinerete il tessuto. Lasciate almeno 30 minuti in ammollo o ad esempio tutta la notte, poi risciacquate e lavate normalmente in lavatrice. Questa fase ha il duplice effetto di ammorbidire lo sporco, impedirne la stagnazione e inoltre quello di igienizzare il tutto. Tutto ciò se non potete azionare o accedere alla lavatrice, altrimenti è sicuramente meglio lavare quanto prima, perché più si aspetta tempo, anche se la macchia resta in ammollo o in secco, la rende sempre più difficile da rimuovere.

Evitate le temperature alte

Se il nostro dogi è di puro cotone tenderà a restringersi, molto le prime due volte e sempre un po’ le successive lavate, per questo motivo è consigliata una temperatura tra i 30 e i 40 gradi con detersivo liquido (la polvere non si scioglierebbe completamente a quelle temperature). È inoltre consigliato ridurre la velocità della centrifuga, massimo 800 giri, in questo modo avrete meno pieghe e se appenderete bene durante l’asciugatura non avrete quasi bisogno di stirare con il ferro.

Non usate l’ammorbidente

L’ammorbidente non solo blocca i pori del tessuto di cotone, così da impedirne la traspirazione, ma contribuisce anche a danneggiare le fibre. Meglio ruvidi!

Non usare l’asciuga biancheria

Si dice chiaramente sull’etichetta di ogni dogi “NON USARE ESSICCATORI COMMERCIALI” ma è ancora oggi una raccomandazione poco seguita. Gli effetti negativi degli essiccatori sono il restringimento, la maggior rigidità che acquista il tessuto e di contro la facilità a lacerarsi e strappare. È molto meglio appendere lasciare asciugare, ma mai alla luce diretta del sole, pena un progressivo ingiallimento.

Lavare il Karate-Gi separatamente

Un consiglio è di non lavarlo assieme a capi colorati o peggio con la cintura…

Se volete stirarlo fatelo con attenzione

Usate temperature contenute, e non fatelo da umido perché ingiallirebbe. Altrimenti vi consiglio la tecnica di stretching e appiattimento da eseguire una volta che esce dalla lavatrice e consiste semplicemente nel tirare il tessuto quando ancora bagnato e poi appenderlo ad asciugare.

 

Login Form

TESSERA DECATHLON



HAI UNA CARTA FEDELTA' DECATHLON?

ASSOCIALA A QUELLA DELLA
Shojin dojo KARATE!

Vai nel negozio Decathlon più vicino e associala specificandone il numero: 2090398230781.
Perchè? Perchè tu continuerai a godere dei vantaggi legati ai buoni sconto, ma farai guadagnare anche punti alla tua società, che potrà acquistare attrezzature sportive a prezzo più vantaggioso...

...SCHIACCIA I PREZZI!

Chiedi al tuo negozio Decathlon maggiori informazioni!

Registrazione

Compilare il modulo sottostante per richiedere la registrazione alla sezione foto gallery e news.

Queste sessioni sono visitabili esclusivamente dagli iscritti alla palestra SHOJIN DOJO.

    
  
CAPTCHA
siti